fbpx

Scopriamo l’algoritmo di Instagram

Parliamoci chiaro: l’obiettivo primario di Instagram è ormai quello di monetizzare (come, d’altronde, tutte le aziende). Nel corso del tempo, con la crescita miliardaria dei nuovi profili, sono diminuiti di molto i contenuti visivamente d’impatto per lasciare spazio a contenuti mediocri e anche di scarsa qualità…ecco perché le cose si sono fatte più difficili e l’algoritmo è cambiato! E soprattutto ecco un’altro motivo del perché sono stati eliminati i bot.

L’algoritmo è in continua evoluzione e cambia di settimana in settimana. Ciò che non cambia è ciò su cui si basa cioè il comportamento umano. Per questo piuttosto che cercare un modo per dominare l’algoritmo si consiglia di focalizzarsi sul capire come attirare l’attenzione degli utenti e fornirgli informazioni di valore che possano coinvolgerli.

Se si riesce a comprendere il comportamento umano allora si potrà raggiungere ottimi risultati su Instagram.

Siamo noi (persone reali), in effetti, che con i nostri contenuti manteniamo le persone e i nostri follower su Instagram. Quindi l’algoritmo premia a livello di copertura e visibilità i contenuti più interessanti ossia quelli che riescono maggiormente ad attirare più pubblico.

L’intento di Instagram è quello di mostrare ai propri utenti contenuti interessanti per un unico obiettivo: avere sempre più users soddisfatti che passano sempre più tempo sulla piattaforma in modo da vendere ai brand spazi pubblicitari utili per la loro promozione.

È per questo motivo che in linea di massima i post carosello performano meglio di quelli singoli dato che sono “ben visti” dall’algoritmo.

Instagram mostra i tuoi contenuti solo al 10% dei tuoi follower, per questo si rischia di avere un coinvolgimento inferiore per i post ai quali si è lavorato sodo. Ecco perché bisognerebbe postare di più. Quando si pubblicano più contenuti, si raggiungerà una percentuale più alta di persone ogni giorno.

Ricevere un alto numero di salvataggi, commenti, likes e condivisioni poco tempo dopo la pubblicizzazione da un “segnale” all’algoritmo che aumenterà in automatico la copertura organica del post verso la nostra audience arrivando anche a mostrarlo tra i popolari degli hashtag (se sono stati inseriti) e nella sezione esplora riuscendo così a raggiungere anche persone che non ci seguono.

È abbastanza importante l’ora di pubblicazione: postando nelle ore di maggiore traffico si ottiene maggiore visibilità; ma la cosa che conta di più, come accennato prima, sono le interazioni nella prima ora: più interazioni riceve un post nei primi 60 minuti, più Instagram pensa che quel contenuto sia di valore e lo premia, mettendolo in alto nel feed generale (come potete vedere, addio ordine cronologico!).

La cosa fondamentale è non modificare il post e le caption e non cancellarli spesso: Instagram sarà portato a pensare che stai pubblicando contenuti di basso valore e ti penalizzerà. Crea, al contrario, sempre contenuti di qualità e dal forte impatto per avere chance di essere notato e seguito.

Geotaggare destinazioni popolari può servire a ricevere più visualizzazioni. La triste verità è che Instagram mostrerà il tuo post a più follower se geotaggi una destinazione popolare. Quindi, se stai leggendo questo post sul blog perché vuoi ottenere più follower e avere un coinvolgimento migliore, una soluzione semplice sarebbe quella di visitare e creare contenuti in destinazioni super popolari. Alcuni Instagrammer lo hanno fatto e hanno ottenuto grande successo.

Sopratutto se si tratta di un brand, bisogna porsi le giuste domande (“cosa posso offrire ai miei clienti?”, “quali miglioramenti posso apportare ai miei clienti?”), intercettare i bisogni degli utenti, sviluppare i contenuti che rispondo alle loro esigenze e lavorare sul concept del brand. Si un’azienda fa tutto questo l’algoritmo sarà automaticamente dalla sua parte.

Inoltre, Instagram sta mettendo a disposizione davvero tanti nuovi strumenti, quindi il nostro consiglio è quello di utilizzarli tutti: pubblicare foto / video nei post, Instagram Stories, Instagram Lives (dirette delle quali arriva la notifica ai tuoi followers), IGTV, rispondere ai tuoi DM (Messaggi Privati), rispondere ai commenti ai post, inserire nelle Stories sondaggi, GIF, domande ecc.