fbpx

Come scrivere delle ottime caption per conquistare i follower

Un’ottima strategia per conquistare follower è quella di inserire sottotitoli e scritte esplicative o informative sotto le foto o i video postati.

Stiamo parlando di quelle sezioni di Instagram che comunemente chiamiamo “CAPTION”, che tradotto significa DIDASCALIA.

Le caption consentono di “catturare” l’attenzione del pubblico e aiutano i follower a conoscere meglio la persona che stanno seguendo, creando una sorta di legame. Inoltre una bella didascalia incentiva la condivisione dei contenuti.

Quando, però, si carica una foto e si arriva alla schermata in cui Instagram dice “scrivi una didascalia…” spesso si rimane letteralmente senza parole. Cosa inventarsi a questo punto?

Per scrivere la frase giusta è utile porsi in primis una domanda fondamentale: con quali utenti sto parlando?

Questo perché la lingua con cui si scrive deve essere interpretabile almeno dalla maggior parte dei tuoi follower, perciò è importante analizzare da dove provengono (leggi Metriche di Instagram: cosa sono e come interpretarle).

Se il tuo pubblico è vario, puoi strutturare una strategia bilingue che però deve essere equilibrata.

Se invece è prettamente formato da persone della propria nazionalità è più opportuno comunicare con la propria lingua madre.

È comunque da tenere in considerazione che la lingua inglese permette serenamente di rivolgersi al 90% del globo.

Il contenuto deve essere breve, coinciso e allo stesso deve avere un nesso tra la foto che si sta postando e ciò che si vuole esprimere attraverso essa.

La caption è il miglior modo per comunicare alle altre persone tutto ciò che si vuole e, anche per questo, deve essere di immediata comprensione.

L’errore da non commettere assolutamente è quello di scrivere lunghi testi, che annoierebbero e renderebbero meno interessante anche la foto.

Ricorda che la maggior parte degli utenti naviga su Instagram rapidamente. Quindi se si ha un dubbio sul tempo che l’utente dovrebbe trascorrere per leggere la descrizione, è importante ricordare che la risposta è il meno possibile.

Come sempre ci sono eccezioni. Per esempio il profilo del National Geographic sa come scrivere captions su Instagram abbastanza lunghe mantenendo l’interesse della sua audience per ogni pubblicazione. Perché? Perché ogni immagine ha una storia.

Nel caso in cui si sia comunque intenzionati a scrivere qualcosa di più impegnativo il consiglio è quello di lasciare uno spazio vuoto tra una frase e l’altra, questo permetterà di non dare un senso di pesantezza alla didascalia.

È importante che le parole più importanti siano all’inizio della didascalia, in quanto i sottotitoli si tagliano nei feed degli utenti se superano una determinata lunghezza; quindi l’idea chiave o la call to action devono essere posizionate prima di tutto il resto del testo.

Una buona strategia nell’utilizzo delle caption può essere quella di porre delle domande, invogliando a commentare i propri follower, aumentando così le interazioni.

Per quanto riguarda il contenuto è importante che sia collegato alla foto (magari raccontando la storia che sta dietro all’immagine), ad un argomento di attualità o ad un tema che sia condiviso, quindi conosciuto, tra tante persone; oppure ci si può buttare sull’ironia, sullo scherzo così da stimolare diverse reazioni.

Mood da quarantena.⤴️⤴️

Il modo più comune che diversi utenti usano per scrivere le didascalie è scegliere solo delle semplici parole chiave o particolari frasi di canzoni, senza creare scambio di opinioni con il pubblico.

Secondo l’opinione del team di @toa_lab questa modalità di scrittura delle caption può risultare sbagliata: va bene rimanere sullo stile minimal, ma bisogna utilizzare parole accattivanti; inoltre scrivendo solo frasi di canzoni, che non possono essere definite un “linguaggio comune” in quanto non piace a tutti lo stesso genere musicale, spesso capita di non coinvolgere una buona parte dei propri lettori.

Forse sono più indicate frasi motivazionali o slogan che catturino l’attenzione. Se avete poche idee, basta scrivere su Pinterest la parola “caption” nelle ricerche e usciranno una serie di categorie da cui prendere spunto.

Da non dimenticare: è necessario aggiungere sempre almeno una decina di hashtag inerenti al proprio contesto per arrivare, così, direttamente ad un nuovo pubblico potenzialmente interessato.

Gli hashtags, infatti, aiutano gli utenti di Instagram a scoprire il contenuto. Uno studio ha scoperto che le pubblicazioni con almeno un hashtag ricevono il 12% in più dell’engagement rispetto a quelle che non ne includono.

Essi servono anche per rinforzare il contenuto dell’immagine. Si può provare a:

  • Creare i tuoi hashtags
  • Utilizzare gli hashtags che si usano di più
  • Salire sul carro delle tendenze del momento
  • Approfittare dei temi polemici

Inoltre le emoji possono aiutare ad attirare l’attenzione del lettore e sono un modo eccellente per dare un tocco di personalità al testo.

Quindi, riassumendo, scegliere una buona caption è importante per:

  • mantenere viva la fiamma con la propria community;
  • si chiarirà l’interesse nei confronti di ciò che pensano i followers;
  • il testo è ideale per lanciare domande e fomentare la partecipazione.