L’utilizzo dei social network ha raggiunto livelli di diffusione piuttosto pervasivi nella nostra vita. Con oltre 4,4 miliardi di utenti attivi su Internet si è quasi arrivati ad una sorta di saturazione della piattaforma.

Le persone utilizzano il web su ogni tipo di dispositivo che lo consenta e per ogni tipo di necessità: lavoro, gioco o semplicemente per rimanere in contatto con gli amici.

In particolar modo i social media hanno estremamente cambiato il modo in cui interagiamo con gli altri, sia nel mondo virtuale sia in quello reale.


VUOI INIZIARE LA TUA AVVENTURA NEL MONDO DEI SOCIAL MEDIA? SCARICA GRATUITAMENTE LA NOSTRA GUIDA


Nonostante il 2020 sia stato piuttosto turbolento, anche quest’anno è arrivata l’estate.

Quante volte è capitato di vedere account o pagine social, sopratutto aziendali, che nel periodo estivo vengono “abbandonate” per poi riprendere la loro attività a settembre?

Ma davvero i social media in estate non vengono utilizzati dagli utenti solo perché sono in vacanza?

In realtà i dati ci dicono tutt’altro: in effetti sembrerebbe che, ad esempio, Facebook in estate diventi anche più vantaggioso a livello di business, specialmente da Mobile.


HAI BISOGNO DI QUALCUNO CHE TI GESTISCA LE PAGINE SOCIAL? CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA


In Italia si registrano giornalmente 18 milioni di utenti solo sui social; il 66% di essi è attivo e posta foto anche in estate.

Ovviamente durante i (circa) 3 mesi di vacanza per rimanere fedeli al mondo del web, gli users italiani prediligono l’accesso dai propri smartphone, sfruttando a pieno la loro mobilità.

Si può constatare dunque che non si tratta di un periodo “morto” per i social ma tutt’altro! I social media e le vacanze vanno di pari passo.

Da qualche anno ormai, durante le vacanze c’è la propensione a condividere tutto con tutti, online.

Sembra che siano le donne a postare di più (58%) sopratutto foto e immagini statiche; i giovani, nella fascia 18-34, preferiscono invece i video come strumento di comunicazione.


CLICCA QUI PER SCOPRIRE TUTTI I NOSTRI SERVIZI PER LE AZIENDE E INFLUCENCER


Ebbene, ormai l’estate è arrivata anche sui social: foto di spiagge, mare, unicorni e cigni gonfiabili in piscina, tramonti e serate estive, sono tutte cose che in questo periodo appaiono almeno una volta al giorno sul feed dei propri social preferiti.

Perché è nata questa tendenza? I motivi sono molteplici: la voglia di far vedere a più persone possibili quanto si sta bene in vacanza, mentre magari i propri follower sono ancora a lavoro; a volte quindi lo si fa anche per suscitare invidia e gelosia; un’altra ragione più semplice è il fatto di voler conservare i propri ricordi su una piattaforma alla quale si può accedere quando e dove si vuole.

I viaggiatori, che lo facciano di professione o no, utilizzano i canali che Internet mette a disposizione per pubblicare contenuti accattivanti, ma anche e sopratutto riescono a dirigere le ricerche pre-vacanza delle persone grazie alle loro esperienze condivise in diretta e recensioni a fine vacanza.


HAI BISOGNO DI UN SITO WEB O E-COMMERCE DA UNIRE ALLE TUE PAGINE SOCIAL? CONTATTACI MAGGIORI INFORMAZIONI


Ecco allora che la promozione dei luoghi turistici si evolve e abbandona le scelte pubblicitarie classiche, come gli spot tv e le campagne stampa.

Oggi si affida la comunicazione a blogger e influencer: lo storytelling è un ottimo metodo di marketing per sponsorizzare i resort, le città e i paesi come meta delle prossime vacanze.

Si scoprono davvero tanti posti meravigliosi solo perché visti nelle Instagram Stories degli amici o dopo aver schiacciato sul link della geolocalizzazione dei cosiddetti travel blogger.

I micro o nano influencer sono quelli che funzionano di più in questi casi: se si tratta di un’informazione che proviene dalla cerchia dei peers, ovvero da “gente alla pari” (persone come noi), vuol dire che è una cosa fattibile per tutti.


LEGGI ANCHE “Perché scegliere di affidare la sponsorizzazione della propria attività ai nano influencer?”


Questo perché il desiderio che si viene a creare non è generato da una rivista di un’agenzia di viaggi che propone mete irraggiungibili, ma da una persona comune.

Il mondo del turismo ha capito quindi qual è il mix giusto per pubblicizzarsi: immedesimazione, imitazione, desiderio di conoscere luoghi nuovi e di condividere foto simili a quelle già viste.

Le attività ricettive incrementano notevolmente i loro fatturati durante le vacanze, perché c’è molta più richiesta. Allo stesso tempo però la concorrenza è alta, perciò le piccole e medie imprese vedono distinguersi per attirare i vacanzieri.

Le imprese di ristorazione e di turismo dovrebbero quindi pubblicare le loro offerte migliori, i piatti più buoni, la bellezza dei luoghi che li circondano sulle principali piattaforme online.

L’obiettivo del marketing è sempre lo stesso, cioè creare un desiderio. Bisogna dunque continuare ad usare i social e ad investire in campagne di digital marketing in estate.

Ormai è diventato impensabile abbandonare i propri profili online nel periodo estivo.

Cosa significa tutto ciò? Che i social non vanno mai in vacanza!


CONTATTACI GRATUITAMENTE PER SAPERE COME LANCIARE LA TUA ATTIVITÀ SUL WEB ANCHE D’ESTATE